06 feb 2016

Redoro Olio Extra Vergine di Oliva dei Frantoi Veneti

Buongiorno bellezze, per chi ha la forte passione della cucina come me, conosce l'importanza di scegliere prodotti genuini.. a tal proposito oggi vi presento un olio che ho scoperto di recente e che mi ha aiutato moltissimo nelle buona riuscita dei miei piatti!

Sto parlando dell'Olio Extra Vergine di Oliva dei Frantoi Veneti "Redoro" 
L’ Azienda Redoro è situata a Grezzana, nel cuore della Valpantena, a nord di Verona ed opera sin dal 1895, fondata Dai fondatori Regina e isi DORO da cui ha preso il nome.
 E’ un’ azienda artigianale legata alla tradizione familiare ed i suoi prodotti sono genuini e di alta qualità.





Nonostante il grande successo, i valori che guidano l’azienda continuano ad essere gli stessi di una volta: qualità, genuinità, e amore in ogni piccolo gesto, dalla coltivazione delle olive, alla raccolta a mano, fino alla trasformazione in olio extra vergine o in prodotti prelibati come il patè o le specialità sott’ olio.

Ma bando alle ciance, ecco cosa mi ha gentilmente inviato l'Azienda per poterlo testare:
L'extravergine di oliva
Redoro


Si presenta dal packaging elegante e raffinato in una scatola in alluminio lucido con coperchio, con tanto di sigillo di garanzia!!
Altra particolarità da notare è la pratica bottiglia con manico, registrata a marchio Redoro, una chicca davvero originalissima direi!! :)

Come consigliato dalla stessa Azienda è ottimo sulle insalate, ma io l’ho provato anche per cucinare e devo dire che dona ai cibi un sapore davvero gustoso e particolare, mi è piaciuto moltissimo!
Quest’ olio è prodotto secondo i dettami tradizionali con spremitura a freddo di olive di produzione dell’ Azienda, si presenta molto denso ed ha un’odore persistente e gradevole di olive.

Il gusto è leggero e raffinato, non lascia sgradevoli retrogusti anzi ha un aroma piacevolmente profumato.
La qualità "Extra" nasce da un 'attenta selezione di olive sane raccolte a mano alla giusta maturazione e lavorate in giornata nei frantoi di produzione per ottenere quest'olio extravergine di oliva dal sapore fruttato, fragrante d'oliva e con un leggero retrogusto di mandorla, la spremitura viene effettuata a freddo non alterando così le qualità.
Presenta un colore verde intenso con riflessi dorati.
Le cultivar sono : frantoio, leccino, maurino, pendolino.

Ecco la ricetta che ho voluto preparare:
Orata il crosta di patate
    1 Orata di media grandezza
    5 patate
    L'extravergine di oliva Redoro
    un rametto di rosmarino
    1 spicchio d’aglio
    sale e pepe q.b.
    vino bianco secco q.b.

 
PROCEDIMENTOPulire l’orata:squamatela e lavatela sotto l’acqua corrente.
Fatela marinare nel vino bianco con uno spicchio d’aglio tagliato a pezzetti,il rametto di rosmarino,olio,sale e pepe quanto basta.A questo punto si fà riposare per circa un’ora e trascorso questo tempo si elimina il liquido di marinatura.
Disponete sul fondo di una pirofila le patate tagliate molto sottili,rosmarino tritato,sale e un filo d’olio
extravergine di oliva Redoro.
Disponete l’orata sopra lo strato di patate e copritela con le restanti patate aggiungendo sempre il rosmarino,il sale e un filo d’
olio extravergine di oliva Redoro (nel disporre le patate lasciate a vista la testa e la coda).
Cuocete al forno già caldo per circa 20/30 minuti a 200°.
A fine cottura le patate dovranno risultare un pò colorate come nella foto quasi da simulare le squame del pesce.
 Et voilà!!

La cena è pronta ;)
  
Vi consiglio vivamente quest'olio perchè l'ho trovato un prodotto valido da provare assolutamente!
Ringrazio l’ Azienda Redoro per la Cortese Collaborazione!
Vi invito a visitare il loro Sito e la loro pagina Facebook  per tenervi sempre aggiornati con le ultime novità!!     

Continuate a seguirmi .....Follow me!!!!
                                                              
                                                                           Dico la mia...Recensioni
                                                                                 Margot

Nessun commento:

Posta un commento